LINEE GUIDA

FORMATO & CONSEGNA

Formato files
Preferibilmente 24 bit con frequenza di campionamento (S.R.) da 44.1 kHz a 192 kHz.

S.R. e bits
Come da sessione, ovvero se la vostra sessione è impostata a 24 bit/48kHz il vostro mix file dovrà essere a 24 bit/48kHz. Tutti i file devono essere chiaramente nominati. E’ consigliato l’utilizzo di files B-Wav (Broadcast Wave), standard di interscambio mondiale, in alternativa si accettano anche files in formato AIFF e SD2. Tranne casi particolari in cui sia impossibile reperire files a piena risoluzione evitate di utilizzare files con compressione a perdita come l’mp3.

Nastri
Indicare il tipo di equalizzazione (CCIR/NAB) l’eventuale riduzione del rumore (NR). I nastri devono contenere un minimo di toni di allineamento (almeno 100Hz – 1kHz – 10kHz).

Codici
Se necessari richiedete i codici ISRC (International Standard Recording Code) ed UPC (codice a barre) PRIMA della vostra sessione di mastering (vedi pagina info/links sotto la voce ISRC per richiedere codici presso la FIMI). Compressione: la compressione sul mix è un’arte a se stante che richiede pratica e talento. Se è parte integrante del “sound” del vostro mix ben venga.

Limiting
È consigliabile utilizzare “brickwall limiters” esclusivamente per copie ascolto da dare ai vostri clienti o ai membri del vostro gruppo. Tenete da parte una versione senza “brickwall limiting” per la vostra sessione di mastering.